Mar
06

NEWS DAL MERCATO IMMOBILIARE

GLI IMMOBILI DI LUSSO CONTINUANO A CRESCERE

Chi cerca e vuole comprare un’abitazione di lusso nelle principali città italiane, come emerge da una ricerca condotta dagli operatori di mercato, è disposto ad accettare quasi per intero il prezzo proposto dal venditore, ma non transige sull’esclusività dell’immobile. Lo studio è stato condotto, prendendo come riferimento la città di Milano, su 300 potenziali acquirenti di abitazioni da oltre un milione di euro, con prezzo a metro quadrato che parte dai 7.000 € per arrivare ai 18.000 €.

Il primo dato sul profilo della clientela non stupisce, non è un business per giovani. Nel 45% dei casi si tratta di potenziali acquirenti tra i 35 e i 45 anni che operano nel mondo delle professioni o dell’imprenditoria in cerca di un immobile in cui risiedere.

I dati indicano che l’area preferita è il centro e l’essenziale è che l’immobile sia all’interno della cerchia dei Bastioni, all’esterno comprerebbe solo il 3% degli interpellati.

Nel 81% dei casi il cliente non transige sulla location dell’immobile, intesa anche come contesto sociale dove è inserito l’immobile. Gli elementi accessori indicati dai potenziali acquirenti nel 58% dei casi sono un terrazzo al piano di almeno 40 mq, un box doppio considerato essenziale nel 76% dei casi e il piano che per il 68% deve essere almeno il quarto. I palazzi d’epoca sono i più gettonati.

I dati su sconti e tempi di vendita sono del tutto atipici rispetto al mercato normale. Nel 75% dei casi si conclude la vendita con una riduzione del prezzo del 10% sulla richiesta del venditore. Lo sconto è basso perché i prezzi degli immobili di lusso sono andati contro tendenza rispetto al mercato normale, infatti la Borsa Immobiliare negli ultimi 5 anni ha registrato che nelle aree più care della città i valori sono saliti dell’8% e negli ultimi dieci anni del 23%.

L’area più apprezzata della città con un aumento delle preferenze del 56% negli ultimi cinque anni è Parco Sempione, risultato che viene confermato anche dai dati su scala decennale con un +78,6%.